GRANDE RISULTATO A SCIENZE POLITICHE!

Oggi si è tenuta la verbalizzazione del secondo appello di Micro e Macroeconomia, e, come al solito, si sono verificati dei fatti incresciosi nei confronti degli studenti. Il nostro rappresentante Gianpiero Morreale e la nostra referente Federica di Trapani erano presenti per assistere i colleghi per ogni loro esigenza. Si sono verificati, purtroppo, episodi anomali che hanno necessitato l’intervento del nostro rappresentante, che si sono protratti anche successivamente alla verbalizzazione. A causa dei problemi riscontrati sul cosiddetto “salto d’appello” il nostro Consigliere ha avuto un colloquio con la Prof.ssa Auci alla quale ha riportato all’attenzione la delibera del Senato Accademico del 5 maggio 2015. La docente si è rifiutata di mettere in pratica il contenuto della delibera sostenendo che la legge non consenta agli studenti di usufruire di tutti gli appelli previsti in carriera (rifacendosi a regi decreti che sono stati superati dai decreti ministeriali odierni). A questo punto il nostro rappresentante ha fatto pressioni e si è richiesto l’intervento del Prof. Cognata, il quale ha ripreso la stessa linea della Prof.ssa Auci. Dalla conversazione sono emersi duri scontri verbali tra il Professore e lo stesso Gianpiero Morreale che ha mostrato anche al docente la suddetta delibera.

La delibera a cui facciamo riferimento sancisce che: “Nel corso di un anno accademico e nel rispetto delle propedeuticità eventualmente previste, gli studenti in regola con l’iscrizione possono sostenere, senza alcuna limitazione numerica, indipendentemente da eventuali bocciature o ritiri, tutti gli esami al termine dei corsi inseriti nel proprio piano di studi”. Il prof. Cognata, posto davanti all’evidenza dei fatti, ha dovuto ricredersi e ha proposto di trovare una soluzione.

I docenti in questione hanno preso l’impegno di fare in modo che l’esame risulti superabile da coloro che si impegnino e studino in maniera seria le materie, escludendo la possibilità di bocciare gli studenti senza reali motivazioni. Inoltre, sono disponibili a far sì che tutti gli studenti possano presentarsi a tutti gli appelli e sessioni utili, verbalizzando la bocciatura.  Ricordiamo a questo punto, che la verbalizzazione della bocciatura non ha alcun effetto sulla carriera universitaria dello studente. Dal nostro colloquio, per di più, si è trovata una soluzione alla pratica comune che era in vigore prima dell’intervento del nostro Consigliere secondo la quale allo studente era concesso di presentarsi a soli due appelli per ogni sessione. I docenti sono disponibili a qualsiasi tipo di chiarimento e supporto per eventuali problemi riscontrati dagli studenti durante lo studio delle suddette materie.

Concludendo, siamo sicuri che oggi si sia fatto un passo molto importante per la risoluzione dei problemi delle materie scoglio, con l’augurio e la volontà che questi, in futuro, possano essere completamente risolti.

N.B. Cliccando qui potrete leggere la nota inviata dalla Pro Rettrice alla didattica Prof.ssa Laura Auteri.