Resoconto CCS L-36 e LM-52

Si è riunito ieri alle 15:00 presso il collegio San Rocco, sede del Dipartimento di Scienze Politiche e delle Relazioni internazionali ex DEMS, il Consiglio del Corso di Studi interclasse in Scienze Politiche e delle Relazioni internazionali (L-36 e LM-52) per discutere ed approvare i seguenti punti all’ordine del giorno:

  • Approvazione del verbale della seduta precedente: è stato approvato il verbale della seduta precedente.
  •  Comunicazione della Coordinatrice e dei membri del Consiglio: il 3 ottobre inizieranno le lezioni delle future matricole e molto probabilmente si ripresenterà il problema dell’insufficiente capienza delle aule dell’ed. 19. Nel mio intervento ho espresso che la nuova formula dell’accesso libero era assolutamente corretta perché, con dati alla mano, effettivamente per molti era una scelta secondaria e non si poneva il problema per i candidati di restarne al di fuori delle graduatorie. Tuttavia è auspicabile fare una doverosa riflessione sulla difficoltà di trovare delle aule che potranno accogliere tutte le matricole, dunque richiedere aule più capienti in altri edifici della cittadella universitaria come la F120 e la F010 DELL’ED. 8 di Ingegneria, in cui abbiamo svolto in estate gli Assistest, e hanno una capienza di 200 posti.

Il Prof. Miranda metteva in luce l’inefficienza del sistema di prenotazione e assegnazione delle aule ai Professori presso l’ed. 19, che non tiene conto delle prenotazioni precedentemente registrate e ha comportato nei giorni scorsi un accavallamento di due materie in una stessa aula.

Anche per quanto riguarda le lezioni dei Prof. Corselli e Baris, nonostante la richiesta delle segreterie, come ho spiegato il dott. Giunta, è stata assegnata un’aula con 50-60 posti che risulta essere troppo piccola. Ovviamente hanno affermato che stanno lavorando per risolvere una soluzione.

Nell’ultimo periodo sono stati effettuati diversi sopralluoghi presso l’ex collegio San Rocco finalizzati all’avvio dei lavori, la Coordinatrice ha espresso la necessità che l’ingresso di via Maqueda venga riaperto per accedere all’aula Borsellino. In tal senso tutte le lezioni potrebbero essere spostate al San Rocco. Altra situazione instabile riguarda alcune aule assegnate alla Martorana, presso l’ex facoltà di Architettura, in cui i solai sono pericolanti.

Dato che alcuni Professori non riescono a completare il monte ore previsto, è emersa  l’esigenza di richiedere più Professori a contratto.

Gli studenti, che hanno conseguito la laurea triennale, per accedere alla laurea magistrale devono avere in possesso una certificazione linguistica B2. Il sistema, durante la compilazione della pratica relativa all’iscrizione alla LM, si blocca poiché è necessaria una certificazione linguistica. Per evitare eccessivi ritardi e complicazioni, la Coordinatrice ha proposto di creare una sezione relativa per l’autocertificazione linguistica.

Per quanto riguarda il calendario delle lezioni del primo semestre del secondo anno di Scienze Politiche e delle Relazioni internazionali, la Coordinatrice ha intenzione di intervenire sul calendario per modificarlo subito dopo la prima settimana di ottobre. Personalmente ho esposto e fatto mettere a verbale la proposta di tutti i colleghi. Ci lavoreremo e vi aggiorneremo, come sempre!

  • Insegnamenti da mettere a bando, relativamente all’ offerta formativa da erogare nell’ A.A. 2016/2017- LM-52: l’insegnamento di Giapponese della Prof. Yamazaki da mettere al bando è stato slittato al secondo semestre. Altro insegnamento da mettere al bando è Human rights (12 CFU), poiché i docenti sono due magistrati che per dare inizio al ciclo di lezioni devono attendere il nullaosta della Corte Suprema della Magistratura.
  • Richiesta inversione semestri relativi agli insegnamenti da erogare  nell’ A.A. : le materie interessate sono quelle di Diritto internazionale del Prof. Sinesio, Sociologia della criminalità e dello sviluppo del Prof. Dino, Urban planning and Migration policies della Prof.ssa Ciaffi
  • Nomina cultore della materia SSD M-STO/02: i cultori della materia fanno parte della commissione di esami e sono estremamente importanti durante la sessione degli esami di profitto. Durante il suo intervento il Prof. Saltari mette in luce che in rinnovo biennale degli stressi è un serio problema, proponendo invece di mutuarlo da 2 a 4 anni. Si ritiene necessario una modifica del Regolamento d’Ateneo. Sia il Prof. Saltari che il Prof. Miranda esprimono la richiesta di avere un cultore per le loro rispettive materie.
  • Provvedimenti studenti: sono stati approvati tutti i provvedimenti studenti
  • Varie ed eventuali: Ho espressamente chiesto che venisse verbalizzato e resti negli atti un’osservazione. Nel mio intervento finale in Consiglio ho affermato che, affinché si mantenga l’anonimato e si rispetti la privacy dello studente, sarebbe opportuno che si rivedessero le modalità con cui si stilano gli elenchi dei risultati degli esami di profitto. La Prof.ssa Pennisi, intervenendo, ha proposto il metodo da loro utilizzato di pubblicare soltanto i nominativi di coloro che superano l’esame. Chiaramente alla fine del Consiglio ho avuto un lungo confronto con la Prof.ssa Auci. Nonostante loro comunichino il giorno e l’orario in cui si verbalizza l’esame il giorno stesso dell’esame scritto, lei ha lamentato il fatto che noi colleghi spesso non ne teniamo conto. Lei ha voluto puntualizzare che l’esame si sviluppa in due giorni, il giorno dell’esame scritto e il giorno in cui avviene la verbalizzazione. Dunque noi siamo tenuti a presentarci il giorno della verbalizzazione per prendere visione del compito. Ho fatto notare che spesso i colleghi non ricevono la notizia in tempo, dunque ho proposto un nuovo sistema che potrà ovviare al problema e vi garantirà di avere la notizia anticipatamente. Inoltre ho garantito alla Prof.ssa che nei social di Vivere Scienze Politiche avremmo pubblicizzato e consigliato ai nostri colleghi di prenotare i ricevimenti per chiarire dubbi, lacune ed errori. La Prof.ssa è rimasta entusiasta dalla nostra sponsorizzazione del corso di matematica di base, nonostante il numero dei partecipanti rimane comunque basso. Ho espressamente consigliato di ritornare alla formula che prevedeva l’alternanza della teoria e delle esercitazioni.  In generale abbiamo avviato un rapporto di dialogo e confronto costruttivo, proprio per la nostra esperienza maturata negli anni, e cercheremo di migliorare la situazione attuale.  

Crediamo fermamente nel modello della Rappresentanza attiva, trasparente che possa migliorare e agevolare la carriera universitaria di ogni collega. #AbbiamoAppenaIniziato

La rappresentante

Sabrina Naselli

Lo Staff di Vivere Scienze Politiche rimane a vostra disposizione